carnemaremma

Carnevale in Maremma

Carnevale in Maremma

Una festa tra sfilate, carri allegorici e richiami alla tradizione.

 E’ tempo di Carnevale, il periodo dell’anno che, per antica tradizione, si contraddistingue per spensieratezza, scherzi, sfilate in costume ed eccessi (soprattutto di tipo alimentare!). In fondo esso precede la Quaresima in cui rigore, privazione e sobrietà la fanno da padrone; per cui quale momento migliore se non il Carnevale per dare sfogo all’allegria, ai balli e ai canti. In effetti il significato del Carnevale stesso, di origine pagane, lo lega ai Saturnalia, riti propiziatori che in epoca romana venivano celebrati nel periodo del solstizio d’inverno come augurio di fertilità e di abbondanza e, al termine dei quali, il Re del Saturnale veniva alla fine processato e sacrificato.

rogo

Il rogo del Re Carnevale (foto by turismoinmaremma.wordpress.com)

Il Carnevale in Maremma è stato festeggiato sin dai tempi antichi, soprattutto nei paesi amiatini e nelle campagne. In un territorio così ampio ma anche scarsamente abitato e dove le distanze tra i nuclei familiari erano in alcuni casi notevoli, il desiderio di ritrovarsi e far bisboccia era assai forte. Certo, i periodi erano grami per cui ci si mascherava come meglio si poteva, con stracci o abiti rimediati e con il volto sporco di fuliggine (i trucchi erano cosa per benestanti). Così i maremmani si riunivano e andavano in giro a raccontare o cantare ad alta voce i fatti realmente accaduti ai membri della comunità, che venivano fatti oggetto della satira più feroce (ovviamente venivano presi di mira i soggetti più in vista, dal politico al signorotto benestante). Quindi si ballava e si organizzavano giochi e scherzi, nelle case e nei poderi le donne preparavano le castagnole e le frappe (o chiacchere) con miele, crema e zucchero, che sono poi diventati i dolci tipici di questo periodo. Alla fine, proprio come avveniva per i Saturnalia, bisognava far morire il re Carnevale: si costruiva un fantoccio che veniva prima processato e condannato, poi portato per le vie del paese e infine bruciato in piazza.

Porto_S.Stefano_1panWAnche all’Argentario la tradizione del Carnevale ha origini antiche. A Porto Santo Stefano c’erano le “sciornie“, che in dialetto significa “trasandato, disordinato”: si trattava di maschere assai rudimentali, fatte di vestiti laceri e ricuciti o addirittura lenzuola fatte a brandelli. I volti erano coperti e le voci camuffate per nascondere la propria identità (meglio non essere riconosciuti quando lo scherzo diventava pesante o ci si lasciava andare al massimo del divertimento); ma più spesso la “sciornia” voleva anche essere una figura misteriosa, la curiosità di sapere chi si celava dietro quella maschera aveva sicuramente il suo fascino.

Oggi il Carnevale in Maremma si è messo al passo con i tempi ed è diventato un evento fatto maggiormente di feste e sfilate, soprattutto per i bambini. Ci sono comunque manifestazioni che richiamano sia le antiche tradizioni che la modernità.

Carnevaletto da Tre Soldi di Orbetellocarnevaletto1

Dagli anni cinquanta la cittadina lagunare organizza questa festa che coinvolge tutto il paese, inondandolo di suoni e colori. L’appuntamento per tutti è in Corso Italia, la via principale di Orbetello, dove sfilano i carri allegorici, costruiti con estrema abilità dai maestri della cartapesta, accompagnati dai gruppi mascherati in un tripudio di coriandoli e stelle filanti. Bande musicali e artisti di strada vivacizzano la festa e il carro più bello ed originale viene premiato durante lo spettacolo di chiusura (il programma della manifestazione lo puoi trovare qui).

 

Carnevale di Follonica

follonica3

Carnevale Follonichense (foto by multimedia.quotidiano.net)                                                                       Anch’essa nata negli anni ’50, è senz’altro una delle più conosciute manifestazioni legate al Carnevale in Maremma. Dopo la guerra la cittadina aveva voglia di risollevarsi ed esprimere tutto il suo potenziale e la sua creatività: nacque così l’idea di una grande festa in maschera e i capannoni dove si costruivano i carri allegorici divennero i principali luoghi di aggregazione della comunità. E ancora oggi quella passione è forte nei cittadini di Follonica, che sin da ottobre si preparano all’ avvenimento. Gli otto rioni cittadini si sfidano nelle tre sfilate domenicali con le loro grandi costruzioni di cartapesta che sfilano sul lungomare del paese. Accanto ad esse marciano anche piccoli carri allegorici, bande musicali, maschere singole e gruppi mascherati per una bellissima festa. Il richiamo alla tradizione è al termine della manifestazione con il simbolico rogo di un enorme mascherone in cartapesta, il Re Carnevale, sulla spiaggia di Follonica, nella quale confluiscono migliaia di persone e la parata di tutti i carri rionali al completo. Qui puoi trovare tutte le informazioni sull’evento.

 

Carnevale di Montorgiali

Carnevale di Montorgiali (foto by prolocomontorgiali.it)

Carnevale di Montorgiali (foto by prolocomontorgiali.it)                                                                                               Una vera e propria festa medievale, legata alla tradizione di questo piccolo borgo dell’entroterra maremmano, a meno di 30 km. da Grosseto. Nelle vie del paese si respira l’atmosfera tipica del ‘500 per un viaggio a ritroso nel tempo. Sin dalla mattina le taverne locali aprono per offrire gustosi assaggi eno-gastronomici mentre, nel primo pomeriggio, ha luogo la sfilata in costume d’epoca dei figuranti: adulti e bambini indossano gli abiti tipici medievali. E ancora: giullari, mangiafuoco e artisti di strada che accompagnano questo suggestivo corteo, per i più piccoli la possibilità di essere truccati e per tutti di essere parte attiva della festa (gli organizzatori affittano i costumi anche ai turisti!). Quest’anno il Carnevale in Maremma di Montorgiali si svolge domenica 15 Febbraio 2015.

 

L’Hotel La Caletta, nel centro di Porto Santo Stefano, vi aspetta a Pasqua per aprire la nuova stagione 2015

Per informazioni visita il nostro sito o contattaci al 0564.812939

Nel frattempo per non perdere le manifestazioni del Carnevale in Maremma, ti ospitiamo alla Fattoria Maremmana, l’altra nostra struttura vicino a Grosseto.

Per info e prenotazioni clicca qui o telefona al 338.3990737