Fantasmi alla Fortezza Spagnola

Fantasmi alla Fortezza Spagnola

Fantasmi alla Fortezza Spagnola

Curiosità dall’Argentario

La Fortezza Spagnola è sicuramente il monumento più importante di Porto Santo Stefano. Fantasmi alla Fortezza SpagnolaFu edificato dagli Spagnoli tra la fine del XVI e l’inizio del XVII secolo, quando il capoluogo dell’Argentario entrò a far parte dello Stato dei Presidi, e sorse sulle ceneri di una torre costruita dai Senesi nel XV secolo. La fortificazione svolse efficacemente le sue funzioni di difesa, riuscendo a resistere e a respingere attacchi ed incursioni nemiche provenienti dal mare; compito che fu adempiuto fino alla seconda guerra mondiale. Successivi restauri avvenuti nel corso del XX secolo hanno riportato la Fortezza agli antichi splendori e oggi è sede di un museo sugli antichi ritrovamenti in mare e varie mostre inerenti il territorio, fra le quali quella permanente sui maestri d’ascia, gli artigiani costruttori di barche.Fantasmi alla Fortezza Spagnola
maestri

 

 

 

 

Ma…. un aurea di mistero aleggia intorno a questo monumento: si aggirano dei fantasmi alla Fortezza Spagnola!! A dir la verità la storia non è molto chiara, e non potrebbe essere altrimenti, dato che risale a quasi quattrocento anni fa. La leggenda narra che ogni anno alla mezzanotte del Primo di Giugno il fantasma di una giovane donna esca dalla Fortezza per dirigersi verso la parte iniziale del paese, corrispondente al rione Valle, e riunirsi con il fantasma di un giovane uomo che discende dal Poggio dell’Argentiera, colle vicino al paese. I due ragazzi si chiamavano Giacinta e Jacopo e il fato li divise il 9 Maggio del 1646, giorno in cui “avrebbero” dovuto sposarsi.Fantasmi alla Fortezza Spagnola
Abbiamo messo tra parentesi il termine avrebbero perchè esistono due versioni contrastanti della storia: la prima racconta che Giacinta, che aveva deciso di donare il suo cuore a Jacopo, fosse ostacolata nel suo amore dal padre che era proprio il Castellano della Fortezza e di nome faceva Bartolomeo Fles. Egli si oppose con forza alle nozze, tanto che la figlia non trovò altro rimedio se non quello di gettarsi dai bastioni della Fortezza stessa e togliersi la vita. Cosa che fece anche Jacopo alla notizia della morte della sua amata.
L’altra versione, molto più romantica e tragica (e che noi preferiamo), è legata a un fatto storico realmente accaduto proprio il 9 Maggio 1646. Quella mattina, infatti, davanti a Porto Santo Stefano apparvero più di 100 navi francesi, inviate dal Cardinale Mazzarino per assicurarsi il possedimento spagnolo all’Argentario, noto come Stato dei Presìdi. L’attacco, passato alla storia come l’”Assedio di Orbetello”, durò più due mesi finchè, dopo numerose e dure battaglie, in un susseguirsi di postazioni perse e riconquistate da entrambe le parti, i francesi dovettero dichiararsi sconfitti e ritirarsi.

Fantasmi alla Fortezza Spagnola

Rappresentazione grafica dell’Assedio di Orbetello

Jacopo rimase comunque ferito nella battaglia che si sviluppò dopo il primo sbarco dei soldati transalpini in paese e trovò riparo nei boschi del Poggio dell’Argentiera, mentre la Fortezza fu occupata e Giacinta, che qui abitava in quanto figlia del Castellano, fu fatta prigioniera e dovette subire le violenze dei suoi aguzzini. Il ragazzo, appena rimessosi in piedi, cominciò a recarsi quotidianamente di nascosto nei pressi dell’edificio in cui era tenuta prigioniera l’amata, con la speranza di poter liberare la fanciulla. Finalmente, a quasi un mese dall’assedio (precisamente il Primo Giugno 1646), la vide comparire sulla terrazza. Uscito dal suo nascondiglio il ragazzo fece in modo di farsi notare: la ragazza, appena lo vide, cercò una via d’uscita per raggiungerlo, ma provata per le sevizie subite e rendendosi conto di non poter fuggire, al culmine della disperazione si gettò nel vuoto. Jacopo corse verso l’amata per tentare di rianimarla ma fu ucciso dai soldati francesi. Quando questi ultimi andarono a recuperare i corpi dei due giovani, si accorsero che erano scomparsi, come inghiottiti dal terreno: sul posto rimanevano soltanto delle macchie di sangue.
Si conclude così la storia dei fantasmi alla Fortezza Spagnola: anzi no! Perchè ogni anno, nella notte tra il 31 maggio e il 1° Giugno, tenete gli occhi aperti: potrete scorgere gli spiriti dei due ragazzi che si avviano l’uno verso l’altra per riunirsi e amarsi liberamente, come non avevano potuto fare in vita.

Fantasmi alla Fortezza Spagnola

Giacinta va incontro all’amato Jacopo

  L’Hotel La Caletta, nel centro di Porto Santo Stefano, è la location ideale per visitare luoghi affascinanti e misteriosi dell’Argentario.

Per informazioni visita il nostro sito o contattaci al 0564.812939