Pasqua a Porto Santo Stefano

Pasqua a Porto santo Stefano

Pasqua a Porto Santo Stefano

La colazione del dì di festa: sapori e profumi che si legano alla tradizione.

Le usanze che vengono tramandate da generazioni sono parte integrante del nostro bagaglio educativo ed emozionale: il seguire le tradizioni popolari è di importanza vitale per non dimenticare le nostre radici, e comunicarle ai nostri discendenti lo è ancora di più perchè esse non vadano perdute. L’Italia è terra di antichissime tradizioni, alcune delle quali hanno origine dalla notte dei tempi, e il loro valore non è limitato al semplice rito in se stesso; esse rappresentano sempre più una cassa di risonanza anche a livello culturale e turistico.

pano1bis

Per questo la Pasqua a Porto Santo Stefano è completamente dedicata all’osservanza di riti ed usanze che rendono la giornata di festa un’occasione imperdibile per la condivisione di una grande gioia, il desiderio di riunirsi e vivere momenti che si tramandano anno dopo anno.

Il risveglio dei santostefanesi è di buon ora: c’è da onorare la resurrezione di Cristo partecipando alla Processione che ha inizio alle prime luci dell’alba. Ma è quando si rientra nelle case dal corteo che si dà inizio a quello che è il vero e proprio appuntamento della Pasqua: la colazione del dì di festa, indissolubile connubio tra tradizione e cucina, un’assoluta celebrazione del gusto tra sapori e profumi mai dimenticati.colazione2

In effetti la colazione di Pasqua a Porto Santo Stefano inizia prima: necessita di una preparazione ben definita che deve cominciare con qualche giorno di anticipo per far sì che tutto sia pronto e la tavola sia degna della festività. pasqua-2014Deve essere ricca di pietanze e colorata perchè la colazione ha un significato preciso che risiede nella tradizione religiosa: celebrare e festeggiare con l’abbondanza l’esatto momento della fine della Quaresima, periodo di restrizioni e penitenza, sancito dal suono delle campane, finalmente sciolte dopo quaranta giorni di silenzio. Così, oltre che il cibo, anche le decorazioni assumono un’importanza basilare: le tovaglie dal color acceso giallo, rosa o azzurro, i tovaglioli multicolorati, piatti e tazze anch’essi in tinte intense; e la presenza di fiori freschi, soprattutto tulipani bellissimi e di stagione, pupazzetti a forma di animaletti (pulcini, coniglietti, pecorelle) contribuiscono a rendere ancora più gioiosa l’aria di festa. colazione (foto by pianetadonne.it)L’elemento principale è rappresentato dall’uovo: da quello sodo o incastonato nelle torte salate o nei dolci a quello tipico di cioccolato, esso è protagonista assoluto della Pasqua e sin dall’antichità simbolo di fecondità e vita. La sua presenza sulla tavola della colazione è quindi ovunque, anche a livello estetico: infatti nei giorni precedenti i bambini, aiutati dalle loro mamme e nonne, decorano le tradizionali uova sode con i disegni più fantasiosi ed allegri, le incartano con dei quadrati di carta velina di tutti i colori, le portano in chiesa per la benedizione e, infine, le dispongono nelle ciotole sul tavolo a far bella mostra.

ciambelloneIl “menù”, assai vario e corposo, è composto sia da cibi dolci che salati: dei primi fanno parte il ciambellone di soffice pan di spagna, cioccolato al latte e fondente, confetture e marmellate di frutta e, in tempi più recenti, anche la colomba. Il tutto accompagnato da una bella zuppiera piena di denso cioccolato fumante, spremute e caffè. Per il salato invece vengono preparati vassoi di salumi e affettati da gustare con uova sode, formaggi, pane casareccio caldo e l’immancabile, tipica Schiaccia di Pasqua, preparata in grandi quantità e anche oggetto di regalo, ancor più della colomba stessa.schiaccia di pasqua E, per assaporare al meglio queste leccornie, un bel bicchiere di vino “Ansonica dell’Argentario”. In alcuni casi si aggiungono anche le primizie dei campi da fare in pinzimonio, come i carciofi o gli asparagi selvatici.

E alla fine, per concludere il rito, insieme ai bambini si scartano le uova di cioccolato per scoprire le ambite sorprese!

 

La colazione di Pasqua a Porto Santo Stefano assomiglia quindi più ad un pranzo abbondante, ma la tradizione va rispettata e mai come in questo caso si ha la voglia di farlo, anche se questo comporta uno stravizio alimentare. Per attenuare il “senso di colpa”, è sufficiente farsi una bella passeggiata sul lungomare, da godersi al dolce tepore del sole dell’Argentario e, perchè no, gustandosi lo spettacolo offerto sul mare dalle imbarcazioni di Pasquavela. Buona Festa a tutti!!uova-di-pasqua (foto by risorseinrete.net)

  L’Hotel La Caletta, nel centro di Porto Santo Stefano, ti aspetta per le vacanze pasquali con la sua promozione speciale per un soggiorno indimenticabile, offrendoti anche la tipica colazione di Pasqua. 

Per ulteriori informazioni visita il nostro sito o contattaci al 0564.812939