Trekking a Monte Argentario

Trekking a Monte Argentario, l’isola che non c’è più

Trekking a Monte Argentario, l’isola che non c’è più

Dal 23 al 26 Aprile 2015 un viaggio alla scoperta della bellezza selvaggia e della storia del promontorio

Sino a tremila anni fa era l’ottava isola dell’arcipelago Toscano. Eh sì, è verosimile che l’Argentario in tempi relativamente recenti non avesse alcun contatto diretto con la terraferma. E’ vero, oggi il promontorio è collegato al continente da due sottili lingue di sabbia, i tomboli di Giannella e Feniglia, ma conserva tutti gli aspetti dell’isola, dal punto di vista morfologico e climatico; e, per certi versi, anche negli abitanti, con il loro attaccamento e la fierezza per la terra natia, traspare questa diversità rispetto a chi vive a “terra”.

Trekking a Monte Argentario

Gli emozionanti panorami dell’Argentario (foto by www.monteargentario.info)

Gli elementi caratterizzanti dell’Argentario sono molti: tra i più importanti la posizione geografica che lo colloca a breve distanza, oltre che ovviamente dal mare, dalla tipica campagna di Maremma e dalla montagna dell’Amiata: una serie di meravigliosi paesaggi che è possibile ammirare dalla cima del promontorio. E ancora la splendida vegetazione di macchia mediterranea che ricopre tutto il territorio e, sebbene sia stata messa in pericolo dai devastanti incendi degli anni 70, ricchissima di essenze e rifugio di inaspettate specie animali.
Per questi motivi gli amanti del trekking a Monte Argentario trovano l’ambiente ideale per lunghe passeggiate all’aria incontaminata e pura. E dal 23 al 26 Aprile Thesan- Terre Etrusche, organizzazione specialista in trekking e visite guidate, invita tutti gli amanti della natura a percorrere a piedi l’Argentario per tutta la sua lunghezza, salendo dal mare fino alla vetta di Punta Telegrafo a 600m s.l.m., alla scoperta dell’isola che non c’è più. Cosa si potrà visitare:

Trekking a Monte Argentario

Spettacolo della natura in laguna (foto by www.wwf.it)

23 Aprile – La Laguna d’Orbetello e l’Oasi WWF : attraversando quest’area naturale unica si ha la possibilità di avvistare migliaia di uccelli che qui trovano nutrimento e rifugio durante le loro migrazioni.

Trekking a Monte Argentario

Guardando giù dalla cima dell’Argentario (foto by www.monteargentario.info)

24 Aprile – Alla scoperta del promontorio : una splendida escursione sino alla Croce, posta sulla cima del Monte Argentario, con una magnifica vista della laguna orbetellana, i Tomboli, gran parte delle provincie di Viterbo e Grosseto e, durante il cammino, delle isole dell’Arcipelago Toscano (Giglio, Giannutri, Montecristo ed Elba). La passeggiata, superata Punta Telegrafo, termina a Porto Ercole, percorrendo boschi di leccio e macchia mediterranea.

Trekking a Monte Argentario

L’Isola del Giglio vista da Capo d’Uomo

25 Aprile 2015 Anello di Capo D’uomo: un percorso suggestivo su stradine e sterrati, tra gallerie naturali di leccete e strapiombi rocciosi sul mare turchese. A Capo d’Uomo i ruderi di una torre di avvistamento di epoca spagnola dominano un paesaggio mozzafiato.

Trekking a Monte Argentario

Forte Stella (foto by Paolo Ramponi)

26 Aprile 2015 Le Fortezze Spagnole di Porto Ercole : alla scoperta delle antiche fortezze edificate dagli spagnoli nel XVI sec. a difesa dello Stato dei Presidi per una camminata tra storia e natura.

Il trekking a Monte Argentario vi dà quindi appuntamento per questa tre giorni all’insegna del più puro relax e una grande sensazione di libertà. Per tutte le informazioni necessarie potete cliccare qui.

 

L’Hotel La Caletta, nel centro di Porto Santo Stefano, è la location ideale per il trekking a Monte Argentario.

Per informazioni visita il nostro sito o contattaci al 0564.812939